GP Abi Dhabi, le info per l’ultimo gran premio di Formula 1


Il GP di F1 di Abu Dhabi segnerà la conclusione di questa stagione 2019 dopo 20 gare, quattro continenti visitati e due titoli già assegnati rispettivamente a Lewis Hamilton ed alla Mercedes.

Teatro di questa gara che segnerà la conclusione del Mondiale di F1 2019 è il circuito cittadino che sorge sull’isola artificiale di Yas Marina: una location senza dubbio suggestiva, ancora più affascinante in notturna.

Il GP di F1 di Abu Dhabi

I riflettori del GP di F1 di Abu Dhabi sono puntati su una pista che è una cartina al tornasole della bontà delle monoposto, dato il suo carattere variegato.
La pista, infatti, è suddivisa in tre settori, decisamente diversi tra loro: il primo è costituito da rapidi cambi di direzione, il secondo da un lungo rettilineo ed il terzo, quello decisamente tecnico, è molto lento.
Dunque, serve un’ottima trazione da un lato ed un funzionamento eccellente dei freni dall’altro. Freni messi anche a dura prova dalla natura del circuito. Per trovare un bilanciamento ideale il tempo non è molto: l’unica sessione di prove libere indicativa è infatti la seconda, l’unica disputata nelle stesse condizioni di qualifiche e gara.

I record di Hamilton

Lewis Hamilton detiene quasi tutti i record del GP di Abu Dhabi: vittorie (4), pole (4), podi (7), prime file (9), giri in testa (213), miglior tempo sul giro (1’34”794, Q3, 2018); di questi ne condivide solo uno, quello dei podi, con Vettel e gli manca quello dei giri veloci (2 contro i 4 di Vettel).
Proprio per questo motivo è lecito pensare che sarà protagonista anche quest’anno: contro di lui solo la cabala, che lo ha visto vincente qui in un anno dispari solo nel lontano 2011. Nell’era turbo/ibrida infatti ha vinto ad Abu Dhabi “solo” nel 2014, 2016 e l’anno scorso.

La bestia nera della Ferrari

Un dato su tutti definisce cosa sia Abu Dhabi per la Ferrari: è l’unico tracciato nella storia della F1 in cui hanno preso parte a 10 GP senza mai vincere. Si tratta, ovviamente, di un valore figlio dei tempi: Abu Dhabi fu introdotto nel 2009, uno degli anni peggiori per le rosse, poi dall’anno successivo cominciò il dominio Red Bull, alla fine del quale è subentrato quello Mercedes.
Si tratta, quindi, di un altro dato da correggere per le Ferrari, viste le prestazioni brillanti in qualifica in questo campionato: qui non hanno mai centrato la pole, ed è l’unico circuito in calendario in cui non sono mai partiti in prima fila.

Orari del GP di Abu Dhabi

Ecco gli orari per seguire il weekend di gara ad Abu Dhabi:

Venerdì 29 novembre:
Prove libere 1: 10.00-11:30 – diretta su Sky SportF1 HD
Prove libere 2: 14.00-15:30 – diretta su Sky SportF1 HD

Sabato 30 novembre:
Prove libere 3: 11:00-12:00 – diretta su Sky SportF1 HD
Qualifiche: 14:00-15:00 – diretta su Sky SportF1 HD e TV8

Domenica 1 dicembre::
Gran Premio: ore 14:10 – diretta su Sky SportF1 HD e TV8