Energia eolica: quali sono i suoi vantaggi ed benefici


L’energia eolica consiste, in poche parole, nel “catturare” l’energia del vento per trasformarla in energia elettrica ed usarla per scopi diversi.
Cerchiamo, quindi, di capire meglio di cosa parliamo quando facciamo riferimento all’energia eolica.

Come funziona l’energia eolica

Per “catturare” l’energia del vento abbiamo bisogno delle pale eoliche. Queste sono composte da un palo, che ha la funzione di posizionare le pale più in alto possibile in modo che queste «catturino» la maggior quantità di vento; dalle pale che, girando, muovono il rotore meccanico – la loro «testa» – il quale convoglia l’energia verso una dinamo: è a questo punto della catena che l’energia meccanica della rotazione si trasforma in energia elettrica.

Vantaggi e svantaggi dell’energia eolica

Vantaggi

  • Il vento è una fonte energetica rinnovabile e pulita
  • L’energia eolica è facilmente reperibile: sappiamo già quali sono le zone più ventose, sia in Italia che altrove

Svantaggi

  • Il vento è però una fonte discontinua: soffia in modo diverso nei vari periodi dell’anno e nei momenti della giornata
  • I luoghi più ventosi si trovano spesso lungo le coste, un patrimonio turistico che viene “rovinato” dalla presenza delle pale eoliche, sia per l’impatto visivo che hanno sia per quello acustico

Le azienda produttrici di impianti eolici stanno cercando di fare passi avanti dal punto di vista tecnologico, andando addirittura ad ipotizzare dei pali fotovoltaici senza pali, e risolvendo il problema dell’impatto ambientale attraverso gli impianti off-shore (cioè al largo delle coste) che beneficiano comunque dello scambio termico tra mare e terraferma senza però influenzare negativamente il paesaggio.

La situazione in Italia

Per capire meglio quanto è utilizzata l’energia eolica in Italia e la sua rilevanza, facciamo riferimento ai dati dell’ARERA, ovvero l’autorità nazionale per l’energia. Andando a leggere la relazione sullo stato dei servizi pubblicata il 2 luglio 2019 veniamo a conoscenza del fatto che:

  • le fonti rinnovabili incidono sul totale della produzione energetica nel 2018 per circa 114 TWh, cioè il 39% del totale nazionale (nel 2004 era il 18%)
  • tra queste, l’energia eolica quasi il 14% del totale prodotto nel 2018 a fronte di poco meno dell’1% nel 2004

Insomma, il balzo in avanti per l’energia eolica è davvero significativo come quantità di energia prodotta, ma non solo: nel sud Italia in parecchie ore, la produzione da impianti fotovoltaici ed eolici è addirittura superiore rispetto al carico totale (ormai stabilmente anche nei giorni lavorativi).

Inoltre, recentemente, il mercato italiano propone una discreta gamma di aerogeneratori di piccola taglia per l’energia eolica domestica. Il prezzo medio è molto variabile. Ma. ovviamente, il parametro che incide maggiormente sul costo finale è senza dubbio la potenza (espressa in Watt) dell’impianto installato.
La sua convenienza ed efficacia, inoltre, dipende ovviamente dalla collocazione geografica: se vi trovate in una zona costiera o particolarmente ventosa, la soluzione dell’energia eolica domestica è certamente conveniente. Al contrario, se vi trovate in una zona poco ventosa potrebbe non essere una scelta particolarmente vantaggiosa.