Che cos’è la White Whale


Che cos’è la White Whale? L’anti Blue Whale che arriva dal web

White Whale è il nome dato dalla professoressa Valeria Fantino al suo antidoto alla Blue Whale, la terribile moda diffusa dal web.

L’idea è di lanciare un gioco opposto al perverso gioco del suicidio arrivato dalla Russia e che si è diffuso anche nel nostro paese.

Ecco che arriva White Whale, un gioco composto da 50 punti scritti dagli allievi delle scuole medie e contenenti una classifica di passi quotidiani che ci abituino ad amare la vita. Una vera e propria anti-Balena-Blu che, invece di istigare al suicidio istiga all’amore per la quotidianità, alla gioia e alla felicità.

Un gioco che deve diventare virale

Il gioco sarà poi lanciato su Facebook e le persone di tutta Italia verranno invitate a partecipare ai 50 passi. Davanti al diffondersi del fenomeno Blue Whale e di alcune sue emulazioni, il progetto White Whale è di grandissima importanza, un gioco che vuole modificare il messaggio negativo dei famosi 50 step in qualcosa di positivo.

Tutto questo è parte di un piano ancora più grande che comprende la lotta al bullismo e l’aiuto agli individui più fragili e emarginati, sempre più spesso vittime di violenze e di manipolazioni psicologiche.

Educazione al benessere

White Whale è quindi educazione al benessere, un progetto chiaro e intelligente che coinvolgerà i ragazzi delle scuole e che si diffonderà per la rete, ricordando a tutti quei momenti che ci fanno davvero amare la vita, e facendo capire meglio, magari a chi si sente perduto o passa un brutto periodo, che le cose possono migliorare e la vita vale la pena di essere vissuta.

Mentre si moltiplicano i casi di emulazione della Balena Blu, l’arrivo di questa contro-balena, sembra una notizia estremamente positiva che speriamo riesca a arginare l’ombra che aleggia nel mondo dei teenagers e del web, in Italia e nel mondo intero.