Alimenti senza glutine: i cibi gluten free ideali per ricette dolci e salate


Quando si mangia gluten free è molto importante variare la propria dieta, anche per evitare di cucinare sempre gli stessi alimenti. Ma spesso ci sorge una domanda: oltre ai cibi contrassegnati nei supermercati, quali alimenti sono naturalmente privi di glutine e possiamo mettere al volo nel carrello della spesa?

Sempre più spesso ci si trova a dover fare i conti con la celiachia, un’infiammazione cronica dell’intestino tenue, scatenata dall’ingestione di glutine in soggetti geneticamente predisposti. Che sia un parente o un amico, può capitare di dover invitare a cena qualcuno che soffre di questa patologia.
Ecco alcuni alimenti da poter cucinare senza timori.

Tra gli alimenti senza glutine vi sono le uova. Potrebbe sembrare scontato ma non lo è. Queste possono essere mangiati senza problemi e cucinate in ogni modo per fare il pieno di proteine e vitamine: fritte, sode, in omelette, per soufflé e torte soffici.

Un altro alimento molto consigliato ai celiaci è l’amaranto. I chicchi di amaranto sono ormai diffusi nei nostri supermercati: sono ricchi di magnesio, ferro e calcio, non sono un cereale e sono privi di glutine. L’amaranto può essere aggiunto a zuppe, a minestre ed a preparazioni in umido. Può essere inserito all’interno dell’impasto delle polpette, polpettoni e timballi al posto di pane e pangrattato.

Non contengono glutine neppure le patate. Questa è una grande fortuna per chi soffre di celiachia dal momento che si tratta del tubero più amato del mondo. Le patate possono essere consumate senza rischi e diventano un’importantissima fonte di carboidrati alternativa a pane e pasta gluten free confezionate.

Un grande classico della cucina senza glutine è il mais. Perfetto in chicchi, per zuppe e insalate, ma anche in farina, per panature, impasti, pizze, pani e focacce. Con la farina di mais si possono preparare anche ottimi dolci senza glutine.

Insieme a quella di mais, la farina di riso è la farina senza glutine più diffusa. E’ molto delicata e leggera ed esiste in più varianti: più o meno fina, raffinata o integrale. La farina di riso può sostituire la farina di grano in moltissime preparazioni.

Via libera anche ai formaggi: ricotta, caprino, stracchino, pecorino, parmigiano ma anche gorgonzola o provolone. I formaggi, sia freschi che stagionati, non contengono glutine e le attuali tecniche di produzione industriale non sono a rischio contaminazione.
Un discorso diverso deve essere fatto, invece, per i formaggi “lavorati” come quelli a fette o quelli in vaschetta spalmabili. Questi, infatti, sono alimenti “a rischio” ed è importante sempre leggere le etichette perché potrebbero contenere addensanti e aromi non idonei.

I fagioli, così come tutti i legumi, non contengono glutine. E’ importante integrarli in una dieta senza glutine dal momento che sono un’importantissima fonte di proteine vegetali. Possono essere cotti in zuppe e minestre diventano un primo piatto molto invitante, oppure utilizzarli in accompagnamento ad altre preparazioni.

Anche i funghi sono alimenti senza glutine: prelibati, ricchi di potassio e proteici quasi quanto legumi e farine. Ottimi per chi mangia senza glutine e non ama la carne.