Perché investire in oro?


Da sempre tantissimi investitori decidono di destinare una parte del proprio capitale all’investimento nell’oro. Infatti, questo metallo prezioso è considerato il miglior investimento per potersi proteggere dall’inflazione e dall’aumento dei prezzi.
Vi sono diverse possibilità di poter investire nell’oro:acquistando fisicamente l’oro oppure attraverso strumenti finanziari e piattaforme come pattern trader accesso.

Perché investire in oro

Gli investitori sono ben consapevoli di quanto la presenza dell’oro sia importante all’interno del proprio portafoglio.
Questo perché, oltre a rappresentare un importante vantaggio nella diversificazione degli investimenti, l’oro è un rifugio sicuro conosciuto globalmente in quanto permette di proteggere la propria ricchezza in situazioni di crisi economica.
E’ la stessa storia a dimostrarci quanto l’oro sia un bene in grado di resistere al tempo tanto che la domanda di oro da parte degli investitori cresce sempre di più ogni anno. L’aspettativa generale è che questo asset continui a registrare guadagni costanti.

Come investire in oro

Investire nell’oro significa principalmente scommettere sul suo rialzo o sul suo ribasso.
Questo significa che, quando si investe in oro attraverso strumenti finanziari, ci espone riguardo al suo andamento senza però possederlo realmente. Si tratta della soluzione più utilizzata e più comoda, ma allo stesso tempo anche la più rischiosa in quanto si è sempre soggetti alle leggi ed ai costi dei mercati finanziari.

Come abbiamo detto, è possibile investire in oro anche acquistandolo fisicamente, sottoforma di monete o lingotti. In questo caso si parla di oro puro.
In principio le monete d’oro venivano utilizzate anche come metodo di pagamento ma oggi, con la presenza delle banconote, il valore delle monete d’oro corrisponde al valore intrinseco del metallo. Questo dipende da diversi fattori come lo spread, il quantitativo di oro puro contenuto all’interno della moneta stessa ed il valore giornaliero dell’oro.
Oltre alle monete è possibile entrare in possesso anche di lingotti d’oro i quali possono avere diverse dimensioni, anche di pochi grammi.

Si può investire in oro anche attraverso gli ETF (Exchange Traded Fund) e gli ETC (Exchange Traded Commodities). Questi sono degli strumenti finanziari a gestione passiva che replicano l’andamento di sottostante di riferimento.
Una volta acquistati gli ETF gli investitori hanno la possibilità di operare sul mercato finanziario come se effettivamente fossero in possesso del bene fisico. Funzionano come una sorta di prestito del sottostante, in questo caso dell’oro, del quale poi si dovranno poi restituire gli interessi.
Questo vuol dire che investire in ETF o ETC sull’oro significa entrare in possesso di un particolare strumento finanziario il cui valore replica l’andamento stesso dell’oro. In questo modo non sarà necessario dover possedere nessuna specifica quantità di tale bene ma si potrà comunque trarre profitto sulla base dell’andamento del suo prezzo.

Anche nel caso in cui si decida di investire in oro attraverso future e opzioni ci si affiderà a degli strumenti finanziari derivati il cui valore è strettamente legato a quello del sottostante.
Si tratta, quindi, di strumenti che, anche in questo caso, replicano l’andamento dell’oro, consentendo di trarre profitti da un eventuale rialzo del valore dell’oro.