Dichiarazione dei redditi in autonomia con il 730 precompilato


Ecco tutte le principali informazioni sul 730 precompilato per poter chiarire questo particolare modello che interessa milioni di contribuenti italiani.

Cos’è il 730 precompilato?

Innanzitutto bisogna ricordare che il modello 730 precompilato per la dichiarazione dei redditi è, come il 730 tradizionale, dedicato ai lavoratori dipendenti ed ai pensionati. Ma tra i due vi è una differenza sostanziale: contiene diversi dati già inseriti dall’Agenzia delle Entrate.
Nel modello 730 precompilato possono essere inserite tra le altre le cifre su spese sanitarie o universitarie, spese funebri, premi assicurativi, ma anche i contributi previdenziali o bonifici per interventi di ristrutturazione edilizia. Se il contribuente accetta online il 730 precompilato senza apportare alcuna modifica, non dovrà più presentare ricevute per dimostrare oneri detraibili o deducibili e non sarà sottoposto a controlli documentali.

Questa particolare formula di 730 viene messo a disposizione del contribuente in un’apposita sezione del sito dell’Agenzia delle Entrate. Per potervi accedere basterà essere in possesso del codice PIN, il quale può essere richiesto accedendo allo stesso sito ed inserendo alcuni dati personali. In alternativa è possibile richiederlo presentandosi all’ufficio con un modulo di richiesta insieme ad un documento di identità, con un’identità SPID, il Sistema pubblico di identità digitale, le credenziali dispositive rilasciate dall’Inps o una Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Nel momento in cui verrà effettuato l’accesso nella sezione del sito relativa al 730 precompilato è possibile visualizzare questi elementi: il modello 730 precompilato, un prospetto con indicazione sintetica dei redditi e delle spese indicate e delle principali fonti per l’elaborazione della dichiarazione, l’esito della liquidazione (il rimborso che sarà erogato dal sostituto d’imposta e le somme che saranno erogate in busta paga), il modello 730-3 con il dettaglio dei risultati della liquidazione.

730 precompilato ed Agenzia delle Entrate

Nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate per il 730 precompilato il contribuente può svolgere numerose operazioni. Come prima cosa è possibile la visualizzazione e la stampa dei documenti. Inoltre è anche consentita l’accettazione oppure l’eventuale modifica, anche con un’integrazione, dei dati contenuti, ed il loro invio.
Oltre a questo è anche possibile versare le somme eventualmente dovute mediante modello F24 già compilato con i dati relativi al pagamento da eseguire, con possibilità anche di addebito sul conto corrente. E’ possibile anche indicare le coordinate del conto corrente sul quale accreditare l’eventuale rimborso.
Infine vi è anche la possibilità di consultare comunicazioni, ricevute e dichiarazione presentata e l’elenco dei soggetti delegati ai quali è stata resa disponibile la dichiarazione 730 precompilata.

Per predisporre il modello 730 precompilato l’Agenzia delle Entrate utilizza molteplici informazioni le quali possono essere sintetizzate in quattro categorie:

  • i dati contenuti nella Certificazione Unica la quale viene inviata all’Agenzia delle Entrate dai sostituti d’imposta (come dati dei familiari a carico, i redditi da lavoro dipendente o di pensione, le ritenute Irpef, le trattenute di addizionale regionale e comunale);
  • gli oneri deducibili o detraibili i quali vengono comunicati all’Agenzia delle Entrate (è il caso ad esempio di spese sanitarie, interessi passivi sui mutui, premi assicurativi, contributi previdenziali, spese per asili nido);
  • informazioni contenute nella dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (ad esempio i dati relativi agli immobili ed i crediti d’imposta);
  • altri dati dell’Anagrafe tributaria (ad esempio quelli presenti nelle banche dati immobiliari come catasto e atti del registro).

730 precompilato ed Inps

Per quanto riguarda l’Inps, utilizzando il servizio online dell’Istituto di previdenza è possibile accedere al 730 precompilato sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Dopo aver eseguito l’autenticazione, il sistema di accesso Inps reindirizza l’utente all’area riservata dell’Agenzia per la fruizione del servizio online 730 precompilato.
L’autenticazione per l’accesso ai servizi online sul sito Inps può avvenire mediante l’utilizzo del codice fiscale e codice Pin rilasciato dall’Inps oppure attraverso l’utilizzo di un’identità SPID o una Carta Nazionale dei Servizi (CNS).