Portaoggetti da scrivania: come tenere tutto in ordine


I portaoggetti da scrivania parte di quella famiglia di prodotti che hanno come scopo la mera funzione organizzativa, soprattutto in ambito lavorativo.
Questi piccoli ma utilissimi oggetti sono spesso composti da più contenitori (alcuni più grandi, altri più piccoli), svuota tasche o portapenne e sono in grado di stravolgere completamente la vita di ogni lavoratore, dimezzando i tempi ed aumentando l’efficienza produttiva.
Anche dalla disposizione di una penna o di un semplicissimo post-it passa il successo professionale.

In commercio ce ne sono davvero tantissimi: in ogni materiale ed ogni dimensione, forma e colore. Va da sé che ogni scrivania è un mondo a parte. Quindi, la necessità di un impiegato del catasto non sono quelle del blogger che scrive articoli sul computer. Allo stesso modo la scrivania del dirigente d’azienda non sarà come quella di chi si occupa di sartoria.
Dunque, ogni scrivania, ovviamente avrà degli organizzatori di materiali specifici per i prodotti che vengono comunemente usati dal lavoratore.

Ma se i portaoggetti da scrivania che troviamo in commercio ed online non ci soddisfano, possiamo sempre decidere di procurarcene uno da soli, magari riciclando scatole di cartone o barattoli di latta dando libero sfogo alla nostra fantasia.

Portaoggetti da scrivania fai da te

Possiamo fare affidamento sulla dispensa ed utilizzare e scatole delle confezioni di cereali. Ne serviranno diverse di varie dimensioni e della carta da regalo riciclata. Poi, ovviamente, forbici e nastro adesivo.
Basterà prendere le scatole dei cereali più grandi e togliere tutte e quattro le linguette in alto. A questo punto devono essere tagliate in diagonale: così facendo ci entreranno libri e quaderni. Con le scatole più piccole, invece, possiamo ricavare dei portaoggetti di tutte le dimensioni: potranno servirti per tenere gomme, biro, colla, forbici, graffette, temperamatite. Non resta che foderare le varie scatole con carta da regalo riciclata, fermandola con il nastro adesivo e posizionare gli organizer sulla scrivania.

Anche dei vecchi barattoli di latta di varie dimensioni possono trasformarsi in moderno ed originali portaoggetti con il giusto pizzico di creatività e manualità.
Come prima cosa è importante lavare accuratamente i barattoli di latta e privarli delle eventuali etichette. Una volta asciugati si possono colorare e decorare questi barattoli in modo da rendere la creazione davvero unica e originale. Per far questo è possibile ricoprire l’intera superficie del barattolo con della carta da regalo o della stoffa, oppure solo una porzione dello stesso facendo intravedere il barattolo per un effetto un po’ retrò. Possono essere aggiunti anche altri dettagli come fiocchi e fiocchetti e bordi realizzati con i nastri. In alternativa si può pensare a delle scritte per personalizzare ulteriormente il tutto, da fare con i pennarelli.