Cicloturismo: alcune tappe per scoprire l’Italia sulle due ruote


Un viaggio in bici può essere un’esperienza davvero appagante, basta sapere dove andare e quali percorsi di cicloturismo seguire: ecco alcuni itinerari per scoprire l’Italia in bici.

Il primo che vi proponiamo è il tour che va da Venezia a Mantova o viceversa, adatto veramente a tutti. L’itinerario si snoda lungo i canali che collegano la Laguna di Venezia al Po e al Mincio, con un dislivello praticamente inesistente. Il tour inizia dal Lido di Venezia e prosegue lungo le isole che dividono la laguna dal mare, con l’aiuto dei frequenti traghetti. In questo modo si raggiunge Chioggia con il suo tipico mercato del pesce, il Delta del Po con i suoi fenicotteri rosa, fino ad Adria. Da qui si prosegue lungo il Canal Bianco fino al Mincio e poi a Mantova. E’ un itinerario perfetto per gli amanti della natura.

Tour altrettanto facile, e per questo adatto a tutta la famiglia, è quello che collega Bolzano a Verona. L’itinerario ha una lieve pendenza negativa che permette di percorrere lunghe distanze senza stancarsi. Il percorso ciclabile segue, su strade a basso traffico e su ciclabili, il corso dell’Adige, tra vigneti e terrapieni, in uno scenario montuoso veramente suggestivo.

La Ciclovia dei Fiori, invece, si trova in Liguria, tra Genova e Ventimiglia. E’ un percorso che si snoda lungo la meravigliosa struttura ciclo-pedonale che nasce sul tracciato costiero della vecchia ferrovia a binario unico tra Ospedaletti e San Lorenzo al Mare, sulla linea Genova-Ventimiglia che è stata dismessa nel 2001. Una volta tolti i binari ed asfaltato il tracciato, questo è diventato un percorso dove le biciclette possono percorrere senza problemi per circa 20 km, attraversando piccoli borghi e costeggiando il tipico litorale mediterraneo, in tratti suggestivi e unici. Durante il periodo estivo ci si può fermare lungo il tracciato e scendere sulle vicine spiagge. Inoltre, tocca le località marine di Sanremo e Arma di Taggia.

Chi vuole cimentarsi in un percorso incredibile dal Brennero alla Sicilia, può percorrere la Ciclovia del Sole, lunga 3000 km e ideata dalla FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta). La principale caratteristica di questa ciclopista è che non corre quasi mai su piste ciclabili: solamente il 4% è coperta da pista ciclabile e il 26% da greenway (pista o strada ciclabile lontana da strade a traffico motorizzato) mentre il restante 70% corre su strade più o meno trafficate. Questa ciclovia dal Brennero scende lungo la Valle dell’Isarco, poi la Val d’Adige, il Lago di Garda, Mantova, Bologna, l’Appennino Tosco-Emiliano, Firenze, Roma e Napoli, fino in Sicilia. Data la sua lunghezza è adatta solo a persone esperte ed allenate.