Lavorare da casa: ecco come ottimizzare lo spazio e aumentare la produttività


Lavorare in casa: come ottimizzare il tuo spazio per aumentare la tua produttività

Lavorare in casa è un lusso che non tutti si possono permettere; negli ultimi anni però la diffusione di figure professionali legate al web e all’informatica, ha portato sempre più persone a lavorare da casa. Senza dimenticare chi è alle prese con una ricerca, un progetto o con la stesura di un testo su commissione. Ecco che la nostra casa, spesso, il nostro appartamento, diventano anche il nostro luogo di lavoro.

Il problema più grosso del lavorare in casa è quello della produttività e dello spazio; ecco quindi alcuni consigli per migliorare le nostre prestazioni lavorative direttamente dalla scrivania di casa!

  • Fare ordine: per prima cosa è necessario mettere in ordine. Un tavolo disordinato, assieme a una stanza disordinata creeranno non pochi problemi alla nostra concentrazione, impedendoci di rilassare e di entrare nello stato mentale lavorativo.
  • Scegliere l’illuminazione adatta: lavorare molto, specialmente al pc, può stressare non poco la nostra vista. Scegliete quindi un’area illuminata della stanza, meglio ancora se illuminata attraverso una luce artificiale che non sforzi la vista in alcun modo e renda più sostenibile l’utilizzo prolungato del computer.
  • Separare camera e lavoro: Se possibile, l’ideale è separare il luogo dove dormiamo e dove ci svaghiamo, da quello in cui lavoriamo. Se possediamo un monolocale o una casa molto piccola, ecco che il consiglio rimane quello di posizionare il tavolo da lavoro il più lontano possibile dal letto.
  • Utilizzare un tavolino removibile: Altra idea per ottimizzare lo spazio è quella di utilizzare un tavolo removibile. Un tavolino quindi che diventerà la vostra postazione di lavoro per essere poi rimosso una volta terminato il nostro dovere.
  • Rimuovere libri e scartoffie: Non riempite il luogo di lavoro di libri, fogli, appunti e scartoffie di vario genere. Meno oggetti sono presenti, meglio lavoreremo.

Ecco invece alcuni consigli di autodisciplina per migliorare le nostre prestazioni lavorative:

  • Attenti alle distrazioni: il fatto di essere a casa, non significa che possiamo concederci distrazioni continue. Eliminare quindi alla radice social, navigazione web, giochi e tutto ciò che può distrarvi dal lavoro da svolgere. Se potete permettervelo, la cosa migliore è dedicare un pc al lavoro e uno al proprio svago. Sul pc da lavoro dovrete rigorosamente bloccare e disinstallare tutto ciò che possa trasformarsi in una distrazione.
  • Pensate di essere in ufficio: i piatti possono aspettare, quando state lavorando, siete di fatto a lavoro. Dimenticate quindi faccende di casa, piatti sporchi e mensole da spolverare. C’è un tempo per tutto e questo è il tempo per il lavoro
  • Musica o non musica: alcune persone sono aiutate e diventano più produttive lasciando un sottofondo di musica durante il lavoro. Nel caso dovesse disturbarvi però, eliminatela alla radice.
  • Imporsi degli orari: fondamentale per lavorare da casa è imporsi dei veri orari da ufficio. Sì, lavorare da casa è comodo, ma sena una disciplina, la nostra produttività finirà per risentirne notevolmente.
  • Mai rimandare: assolutamente, non rimandare mai un impegno. Lavorate in casa come fareste davanti al vostro datore di lavoro. Posticipare un progetto è completamente fuori discussione. Siate quindi pronti a rimanere seduti alla scrivania per otto ore o per tutte le ore che necessita il vostro compito!