Che cos’è il telelavoro e quali sono i vantaggi per lavoratori e aziende?


Il telelavoro, o Smart Working, è una forma di lavoro oramai particolarmente diffusa in Europa e all’estero, ma cos’è nello specifico?

Trovare un lavoro, soprattutto in questo momento così particolare, è un cruccio per tanti in Italia, sia giovani che meno giovani. Per questo le numerose ventate di novità portate dalla tecnologia e dal cambiamento dei mercati possono anche rianimare le chance di poter trovare una professione adeguata alle proprie conoscenze. In questo senso, il telelavoro, o Smart Working, è una delle migliori possibilità che la new technology ci mette a disposizione.

In Italia sta prendendo piede da un po’ ma all’estero è già particolarmente diffusa. In semplici parole si tratta di lavoro online: bastano infatti un pc e una connessione a Internet per potersi dedicare al telelavoro. Basta avere accesso ad una connessione, quindi non è necessario abbandonare casa e recarsi fisicamente in azienda. Si tratta di una forma di lavoro decisamente innovativa che consente ai dipendenti di un’impresa sia ai freelance di abbattere le difficoltà legate agli spostamenti geografici e alla distanza, trasformando il mondo del lavoro in un universo slegato dalla presenza fisica.

Ma quali sono i vantaggi legati a questa nuova forma di lavoro? In realtà, questa nuova tipologia di lavoro non rappresenta solo vantaggi per il lavoratore, ma anche per l’azienda. Da una parte, il lavoratore abbatte in maniera drastica le spese relative al consumo di carburante e agli spostamenti, che possono rubare del tempo prezioso altrimenti spendibile lavorando da casa. Inoltre, non ci saranno soldi spesi per i pranzi al bar o in mensa, che rappresentano una spesa non indifferente. E questo vale per tutte le tipologie dei lavoratori: dai freelance agli impiegati, passando per il part-time.
Dall’altra parte,m però, anche le aziende riescono ad avere un risparmio consistente: con l’assegnazione di un lavoro per via telematica, infatti, si possono risparmiare i costi relativi all’affitto dei locali e alla manutenzione degli uffici, per non parlare poi della spesa portata dall’acquisto dei pc aziendali.

Ovviamente, nel caso in cui siate in procinto di accettare di lavorare con il telelavoro, state sempre molto attenti ai tentativi di truffa. Purtroppo, spesso la distanza favorisce anche i mancati pagamenti (soprattutto nel caso dei freelance) e la possibilità di utilizzare falsi nomi o false generalità. In aggiunta, potrebbe essere possibile un vostro coinvolgimento in richieste di investimenti su progetti condivisi online, che potrebbero costarvi molti soldi e portarvi ad una perdita economica molto consistente.
Il nostro consiglio è quello di premunirsi facendosi dare un anticipo oppure lo scan di documenti relativi all’azienda.